In Evidenza

  • PRIMULE DI STANZE FRONTE
     

    PRIMULE

    € 13.00

    Formato: 200 x 200 – Brossura Fresata

  • LACERTI DI ANIMA COPERTINA FRONTE
     

    LACERTI DI ANIMA

    € 13.00

    Formato: 120 x 200 – Brossura Fresata

  • L'UOMO CHE HA SCONFITTO LA FOLLIA FRONTE
     

    L’UOMO CHE HA SCONFITTO LA FOLLIA

    € 13.50

    Formato: 120 x 200 – Brossura Fresata

  • COPERTINA SATELLITE MASTER
     

    LETTERE DAL SATELLITE

    € 14.50

    Formato 15 x 21 – Brossura

  • EMOZIONI STEFANELLA COPERTINA FRONTE 12x21
     

    EMOZIONI

    € 14.00

    Formato: 12 x 20 – Brossura Fresata

  • TRA IL PIAVE E LA LUNA FRONTE
     

    TRA IL PIAVE E LA LUNA – Poesie e riflessioni in prosa

    € 13.00

    Formato: 13 x 18 – Brossura Fresata

  • FIORI DELL'ANIMA FRONTE
     

    FIORI DELL’ANIMA

    € 12.00

    Formato: 13 x 18 – Brossura Fresata

  • CAPPELLO DI VINO FRONTE
     

    CAPPELLO DI VINO

    € 11.00

    Formato: 14 x 20 – Brossura Fresata

  • IMPRECISI PASSAGGI DI TEMPO
     

    IMPRECISI PASSAGGI DI TEMPO

    € 14.00

    Formato 12 x 20 – Brossura

  • Il silenzio
     

    IL SILENZIO É UNA FORMICA

    € 15.00

    Formato 10 x 16 – Brossura – Copertina: progetto grafico dell’autrice

  • UVALA COP FRONTE
     

    UVALA

    € 14.50

    Formato: 12 x 20 – Brossura Fresata

  • LA CONDIZIONE ACERBA FRONTE LIBRO
     

    LA CONDIZIONE ACERBA

    € 12.00

    Formato: 12 x 20 – Brossura Fresata

  • PRIMO ANNO COP MASTER FRONTE
     

    PRIMO ANNO

    € 14.00

    Formato: 14 x 22 – Brossura Fresata

  • TUTTO ESAURITO MA IO NON MOLLO
     

    TUTTO ESAURITO MA IO NON MOLLO

    € 14.00

    Formato 12 x 20 – Brossura

  • DI MARE DI VENTO E ALTRO ANCORA
     

    DI MARE, DI VENTO E D’ALTRO ANCORA

    € 13.50

    Formato: 21 x 18 – Brossura Fresata

  • DI POESIA SI VIVE E SI MUORE fronte
     

    DI POESIA SI VIVE E SI MUORE

    € 15.00

    Formato: 20 x 21 – Brossura Fresata

  • DI NUVOLE E PIETRE FRONTE
     

    DI NUVOLE E PIETRE

    € 14.00

    Formato: 14 x 20 – Brossura Fresata

  • NOTHINGNESS COP FRONTE
     

    NOTHINGNESS – POESIA DEL NIENTE

    € 14.00

    Formato: 13 x 21 – Brossura Fresata

  • RIME IRREQUIETE FRONTE
     

    RIME IRREQUIETE

    € 10.00

    Formato: 13 x 21 – Brossura Fresata

  • SEI COME QUANDO GUARDO IL SOLE FRONTE
     

    SEI COME QUANDO GUARDO IL SOLE MI RIMANI NEGLI OCCHI

    € 12.00

    Formato: 180 x 130 – Brossura Fresata

  • OSCILLAZIONI MENTALI COP FRONTE
     

    OSCILLAZIONI MENTALI

    € 13.50

    Formato: 120 x 200 – Brossura Fresata

  • ALL'ALTEZZA DEL SICOMORO FRONTE
     

    ALL’ALTEZZA DEL SICOMORO

    € 13.00

    Formato 13 x 18 – Brossura Fresata

  • SUL LEVARE FRONTE
     

    SUL LEVARE

    € 14.00

    Formato: 14 x 22 – Brossura Fresata

  • AMOREVOLUTION

    € 13.00

    Formato: 12 x 20 – Brossura fresata

  • TRALCI DI VITE FRONTE
     

    TRALCI DI VITE

    € 12.00

    Formato: 13 x 18 – Brossura Fresata

  • PAROLE RACCOLTE FRONTE
     

    PAROLE RACCOLTE

    € 14.00

    Riflessioni dopo la lettura di: PAROLE RACCOLTE di Giampaolo Giampaoli

     Benché suddivisa in varie parti la silloge mantiene una chiara coerenza di intenti sia nella struttura compositiva che nella accurata ricerca linguistica.

    Si intuisce quanto siano fondamentali per l’autore “mutamenti e illusioni” che fin dalla prima composizione si affacciano con il loro potenziale di rivelazione e aprono spazi di pensiero contro l’opacità del nulla.

    Nella prima sezione si coagulano i temi e le implicazioni legate al fare poetico. “Perdere l’ispirazione”: il panico che prende l’autore inerme contro il vuoto bianco della pagina…  la poesia intesa in chiave salvifica, “contro monotonie future”.

    Ma è nella seconda parte che l’autore mette in scena la relazione con il mondo esterno, l’altro da sé: le rimembranze fuggitive “il tuo baluginante sorriso”, l’incanto della natura, il tempo che trascorre inesorabile, i rimpianti “ripercorro i giorni”. I temi si snodano e si dilatano intorno all’intensità di rapporti di vita vissuta e racchiudono tutta la loro accensione affettiva nei versi conclusivi delle composizioni.

    Già il trascorrere del tempo era stato sfiorato nelle pagine precedenti, ma in questo ulteriore segmento acquista un più intenso coinvolgente potenziamento emotivo: i protagonisti dei testi sono ben identificati, definiti, “il tuo lungo dormiveglia”, “le tue parole di follia” i riferimenti sono palpabili e le personalità si stagliano con amorosa nettezza.

    Proseguendo nella lettura incontriamo i due testi conclusivi in cui si addensano le aspirazioni, i disincanti e le incertezze in cui il poeta si dibatte.

    Ma possiamo, tornando all’inizio, trovare già delineato in nuce ciò che spinge l’autore a esternare l’intima essenza della sua pulsione poetica: “liberare parole”.  Non quelle compromesse dal banale scorrere quotidiano, ma le altre che sgorgano con intensità dal tentativo di offrire nuovi sensi all’esperienza: le parole della poesia.

    Questa, pulsione incontenibile è il pungolo con cui Giampaoli si mette in gioco per assorbire, dalla linfa creativa che lo nutre, il proprio progetto comunicativo.  Non basta… la singolarità sofferta dell’autore prende respiro e ritmo anche dalla meditazione sulla sua finitudine e avverte la presenza di quell’oltre inafferrabile che si mostra solo come riverbero dell’ignoto.

     

    Carla Paolini

     

    Parole raccolte” è la storia di un cacciatore.

    Come ogni cacciatore, Giampaoli porta con sé un ottimo segugio di razza. Il segugio di razza di questo libro di poesie si chiama mestizia.

    Il cacciatore insieme a mestizia si muovono nei chiaroscuri della quotidianità per cercare lirica, ovvero parole per descrivere panorami quotidiani, sia interiori che esteriori, per descrivere stati d’animo.

    E non ci sono oggetti che si sottraggono a questa ricerca. Perché la poesia è ovunque, per dirla come recita un bel verso, la realtà è “poesia immanente“. Oggetti comuni che si trasformano, come un letto, che smette di essere un oggetto di mobilio per diventare un “altare della sofferenza”.

    Eppure, in questa frenetica ricerca del senso, si può rimanere a mani vuote “mio è il niente“, constata infatti l’autore in un lapidario epitaffio. Non sempre le parole infatti vengono raccolte, anzi, alle volte risultano “negate sprecate”.

    Eppure è un rischio che il cacciatore intende correre, dal momento che c’è una forte coscienza di sé, coscienza fluida e irrefrenabile “la mente è prolissa”.
    La mente è prolissa quanto la realtà è ossimorica, contraddittoria al punto che leggiamo di “pagine sporche” sullo “schermo freddo”.

    Uno schermo che ricorre più volte e che viene aggettivato spietatamente come “afono”.

    Un’intera poesia è dedicata al mondo del virtuale, allo schermo e alla finestra che rappresenta. La poesia Nella rete è infatti uno scavo in quella che l’autore apostrofa come “rigida macchina”.

    Schermo, dunque, oggetto che si presenta come un’anafora scomposta e sparsa in “Parole raccolte”.

    Ampio spazio trovano gli ossimori, più concettuali che retorici.  Proseguendo nella lettura si scopre che la vergogna può essere un piacere. O forse è il piacere ad essere una vergogna. Questo è uno dei segreti che il cacciatore si porta con sé insieme a mestizia, il suo segugio.

    Eppure il cacciatore poeta non si dà pace, fiuta nell’aria guidato da quella che lui stesso chiama “presunta sensibilità“, ancora una volta spietato, ma questa volta con sé stesso. E l’aggettivo torna in un’anafora, concettuale anch’essa e non retorica, quando leggiamo “presunta bontà”.

    Per poi arrivare ad una ammissione esistenziale, profonda e dura, nel verso che recita “mia natura corrotta”, senza risparmiare al lettore la sofferenza che costa mettere in versi una tale coscienza di sé. Ma potrebbe essere un inganno, perché l’autore scopre anche la carta della finzione poetica per fare poesia dell’artificio stesso: “mio mondo artefatto”.

    Nonostante ciò, lo sforzo e le ferite non fermano la raccolta di parole, nell’estremo tentativo di “esistere ancora”.

    Il cacciatore, come ogni cacciatore, non è solo. Viaggia con i suoi fantasmi, creature fatte di una eteroclita sostanza “la dolce sostanza mai assunta tra le solite mura”. In Parole raccolte i fantasmi si muovono in quella che il poeta chiama “la consistenza del vuoto”.

    A volte il cacciatore guarda anche in direzione del cielo dove a parlargli è un Dio che nei versi è “il Dio conosciuto”.

    Un Dio a cui l’autore pare urlare “Ti credo nella complessa totalità”.

    Il verso più forte non è dedicato al trascendente, la lirica più spinta della raccolta si concretizza in un urlo pacifico “l’abbiamo mancato l’immenso papà”.

    “Un canto navajo” suonato da un Kokopelli risuona tra i versi della poesia Cimitero, a restituire una serenità che altrove è minacciata dall’oscura “Persefone”. E non è un caso che l’ultimo aggettivo della racconta sia “inviolato”.

    L’inviolabilità del silenzio, della notte. Quella notte evocata dall’esergo della Merini a inizio raccolta.

     

    Armando Comi

     

     

    Formato: 12 x 20 – Brossura Fresata

    Copertina: Antonio Fontanesi 

    Novembre (1864 – Olio su tela – 103 x 153) 

    Collezione GAM – Torino

  • TERREMOTO DI PAROLE FRONTE
     

    TERREMOTO DI PAROLE

    € 14.00

    Formato: 12 x 20 – Brossura Fresata

  • COME FILO NEL VENTO DI TERRA
     

    COME FILO NEL VENTO DI TERRA

    € 14.00

    Formato: 15 x 21 – Brossura

  • Copertina Volcan
     

    CARMINA E LIRICHE VOLUME II

    € 12.50

    Formato 15 x 21 – Brossura – Copertina: Fotografia di Silvano Volcan

  • LA TANA DELLE NUBI

    € 10.00

    CD – 12 brani – Custodia rigida con inserto con testi e fotografie

    1. – Arte minore, 2. – La misura delle cose, 3. – Bella, 4. – Esterno notte, 5. – Nick, 6. – La tana delle nubi, 7. – Cinque quarti, 8. – Il giorno dopo, 9. – Islanda, 10. – Paso, 11. – Vado via, 12. – Senza titolo